Quando la Leica M10 è stata annunciata il 18 gennaio 2017, ha rappresentato l’ultimo passo in una linea di fotocamere a telemetro con messa a fuoco manuale. Definito come il sistema di fotocamere full frame più compatto al mondo, il design minimalista della M10 è vicino ai modelli M predecessori, quindi il nuovo modello accetta quasi tutti gli obiettivi realizzati per l’attacco M. Invece di utilizzare la pellicola, vanta un nuovo sensore da 24 megapixel e un processore Maestro II.

Leica M10 -Giuseppe Torretta

I fotografi che bramano una macchina a pellicola ma che desiderano partecipare all’era digitale, scoprirebbero che la M10 soddisfa la maggior parte dei requisiti. Ma i fotografi digitali potrebbero non piacere le seguenti omissioni:

  1. La messa a fuoco automatica non è disponibile;
  2. La registrazione video non è supportata;
  3. Non esiste un sistema di riduzione della polvere;
  4. Non c’è stabilizzazione dell’immagine nel corpo.
  5. La fotocamera non registra importanti metadati EXIF ​​nei file di immagine.

Se non riprendi video e preferisci i controlli completamente manuali, la Leica M10 è molto attraente. L’inclusione della connettività Wi-Fi e di un quadrante ISO dedicato insieme a un mirino migliorato e uno scatto continuo più veloce la rendono degna di considerazione rispetto ai modelli precedenti.

leica M10 - giuseppe torretta

Fedele alla tradizione Leica, vanta un corpo in magnesio pressofuso interamente in metallo con pannello superiore in ottone e piastra di base rimovibile, che contribuiscono a far raggiungere il peso di 662g al corpo macchina.

Il pannello frontale è totalmente piatto senza grip. È rivestito in pelle testurizzata, che fornisce una presa abbastanza sicura, ma non compensa una sporgenza superficiale con le modanature delle dita.

leica M10 Giuseppe Torretta

Il mirino mostra una parte maggiore del soggetto rispetto a quella registrata dal sensore. Secondo Leica, questo “ti consente di osservare come si sviluppa una scena, comporre il tuo scatto e interagire direttamente con il soggetto”.

Il menu consente agli utenti di preimpostare i valori massimi di sensibilità e i tempi di esposizione per la gamma ISO automatica. Quest’ultimo può essere utile per ridurre al minimo le vibrazioni della fotocamera poiché include tre impostazioni specifiche della lunghezza focale 1 / f, 1 / [2f], 1 / [4f], che utilizzano la codifica dell’obiettivo per specificare la velocità dell’otturatore più bassa e la fotocamera passerà a una sensibilità maggiore solo se la velocità dell’otturatore scende al di sotto del reciproco della lunghezza focale.

leica m10 giuseppe torretta

Il monitor LCD da 3 pollici che copre circa la metà del pannello posteriore ha una risoluzione di 1.036.800 pixel e può visualizzare 16 milioni di colori nello spazio colore sRGB. Si trova dietro un vetro Gorilla resistente ai graffi e la sua luminosità è regolabile. Purtroppo, manca i controlli touch. In modalità Live View, puoi vedere l’intero campo dell’immagine e l’errore di parallasse è irrilevante.

Sebbene la risoluzione sia la stessa di una serie di precedenti fotocamere Leica “full frame”, il chip CMOS da 36 x 24 mm da 24 megapixel della M10 è stato sviluppato specificamente per questa fotocamera.

Le immagini che restituisce la M10, specie in accoppiata con una lente Voightlander, sono immagini già pronte che non avrebbero bisogno di post-produzione.

leica m10 giuseppe torretta

Anche Leica ammette che la M10 “non è una fotocamera per tutti”. Dato il suo prezzo e il “concetto di maneggevolezza eccezionalmente snella” che fornisce, ritengo che solo coloro che sono fan della serie M di Leica vorranno questa fotocamera.

Francamente, penso che la maggior parte dei fotografi di strada starebbe meglio con la Leica Q, che vanta anche un sensore 36 x 24 mm da 24 megapixel e un processore Maestro II, include un obiettivo Summilux-M 28mm f / 1.4 ASPH. Viene fornito con una messa a fuoco automatica rapida e precisa, un mirino elettronico meravigliosamente nitido e luminoso (con commutazione del sensore oculare e regolazione diottrica) e un monitor touch-screen.

leica m10 giuseppe torretta

Io associo alla M10 il 35 mm/1:1,4 Nokton II della Voightlander e il 50mm f/2 Summicron della Leica.

Ho acquistato questa fotocamera per la sua compattezza, leggerezza e qualità, la porto in viaggio e rappresenta indubbiamente uno stile di fotografia; ma alla domanda se la ricomprerei credo che ci dovrei pensare un pò su.

Chiedo scusa ai leicisti, ma oggi esistono sul mercato mirrorless altrettanto leggere che riescono a dare ottimi risultati comunque a un prezzo decisamente minore.

 

Le foto alla Leica M10 sono state realizzate con una Sony a9 e 35mm f/1.8.

 

https://it.leica-camera.com/

https://www.voigtlaender.de

https://www.angelo-pelle.com/

https://www.artisanobscura.com/

Leica M10 Giuseppe Torretta
leica m10 giuseppe torretta
Leica M10 Giuseppe Torretta
leica M10 Giuseppe Torretta
/
Comments
Add Your Comment

J
CLOSE MENU